Descrizione immagine


SMIT ROMA CENTRO vs ATHENA BASKET ROMA 42 – 63

 

SMIT ROMA CENTRO: Migatti Ranieri 2, Ciaravino 3, Orlandi 2, Farina 8, Montanari 15, De Carolis 2, Mammì, Venanzi, Grimaudo, Ilari 10

Allen. Boggio

 

ATHENA BASKET: Raveggi 11, Bonini ne, Piacentini 9, Grimaldi 2, Munnia, Milani 9. Panariti 6, Bernardini 17, Borsetti, Cirotti 3, Verrecchia 6

Allen. Ceravolo

 

Parziali 12-13   19-7    5-22    6-21



10 cose su Smit Roma Centro – Athena 42-63 del 4 Mar 2017


·        Arrivando al bel palazzetto di Via Claudio Villa a Spinaceto, uno si domanda il perchè della un filo ostentata precisazione della collocazione geografica nel nome della squadra ospitante. Le brave ragazze della SMIT Roma (più realistico...), reduci da una prestazione super con vittorione contro pronostico sulle Stelle Marine e da una successiva conferma contro Aprilia  - con singolarmente identico punteggio – sono in una ovvia fase di notevole fiducia e brillante stato di forma.


·        Noi approcciamo la partita con un primo quarto piuttosto malmostoso ed un secondo francamente inguardabile. Coach C si dirige verso gli spogliatoi con un’espressione piuttosto eloquente che anticipa un ‘punto della situazione’ con la squadra. Funziona: al rientro produciamo un 11-43 aggregato nei due Q che definisce gli effettivi valori in campo.


·        Piace segnalare il tono atletico delle ragazze, chiaramente migliorato dal lavoro di del preparatore atletico PierPaolo (Piri), che tra l’altro impegna le ragazze in un piuttosto spettacolare esercizio di riscaldamento a specchio.


·        Reattiva ed atletica anche prima del trattamento Piri, Eleonora ‘Tiny’ Piacentini produce la richiesta scossa con annessa sferzata di energia ad inizio 3Q. Pur segnarndo solo allo scadere un pregiato buzzer beater, Tiny guida la rimonta con personalità tra recuperi e rimbalzi – provoca da sola un’infrazione di 8” pressando a tutto campo, recupera un rimbanzo difensivo ad una mano dopo un salto di circa 90 cm – consentitole della evidente prevalenza di fibre rosse nei suoi muscoli.


·        Giulia ‘Flying’ Bernardini prende sulle spalle la squadra in senso realizzativo durante la rimonta, segnando con l’abbagliante e naturale eleganza che contraddistingue il suo incedere sul campo. Segna il miglior canestro del march partendo in cross-over e tirando in sospensione dopo un arresto ad un tempo con successiva levitazione di 4-5”. Flying, appunto.


·        Federica Milani vive una serata di grande vérve realizzativa che le merita un’attenzione particolare da parte delle ragazze SMIT che le provano tutte, ma proprio tutte, per limitarne la mano torrida. Alla fine becca pure una discreta stecca in faccia che la costringe ad uscire per lieve epistassi.


·        Gaia ‘Buzzer’ Raveggi, un pò come faceva Dejian Bodiroga, attende che la partita reclami la sua attenzione per poi tornare in cattedra per una lezioncina composta dalle piccole ed indispensabili cose ed impreziosita da un 8/8 ai TL.


·        Giulia ‘Insurance’ Panariti segna un buzzer beater (due in una partita!) allo scadere del 1Q ed un bel canestro in entrata ad inizio del secondo e del terzo. Perfetto perno difensivo della nostra 1-2-2, per i pochi minuti in cui dobbiamo impegnarla.


·        Gaia ‘von Karaijan’ Cirotti – vista al suo meglio di brillantezza fisica – produce regia, ricezioni profonde insieme da uno spettacolare anticipo secco sulla brava 18 loro per giudare un contropiede vincente ad inizio 4Q.


·        Marta ‘Scottie’ Verrecchia da il suo contributo offensivo – canestro dall’angolo a completamento della rimonta nel 3Q - e difensivo fino all’infortunio che la tiene fuori tutto il 4Q. In una serata opaca nella quale non riesce a trovare il ritmo e ad incidere, Giulia ‘Tigress’ Grimaldi trova un backdoor segnando su assist di Flying con una preziosa e difficilissima rovesciata il suo unico canestro della partita.