Descrizione immagine

SAN RAFFAELE vs ATHENA BASKET  66- 63


SAN RAFFAELE: Pompei 2, Giorgi 1, Salvagno ne, Avallone 3, Prosperi 10, Marchetti 14, Russo 5, Gelfusa 8, Nnodi 24. Santulli, Guerriero ne, Ballirano

Allen. Diotallevi

 

ATHENA: Raveggi 12, Bonini 5, Piacentini 2, Grimaldi 5, Munnia, Milani, Panariti 6, Bernardini  8, Borsetti, Cirotti 6, Verrecchia 19

Allen. Ceravolo

 

Parziali 13-13    15-18    21-22   17-10

 

 

10 cose su San Raffaele – Athena Roma 66-63 dell’ 11-3-17
• Nel bellissimo impianto di via di Villa Girelli al Trullo, le due prime in classifica danno vita ad una partita intensa, incertissima e molto bella. E’ il derbyssimo di Roma, sia noi che loro sentiamo parecchio questa rivalità che è sempre stata e rimane fiera e corretta.

• SAR si presenta al completo, forte di rotazioni così lunghe che gli consentono di addirittura non schierare Ilaria Salvagno, cosa francamente piuttosto incredibile comunque. Due super centri (Gelfusa e Queen), quattro super guardie (Elena Russo, Giorgi, Federica Pompei, Francesca Pidu Ballirano) una fuoriclasse freestyler (Michela Marchetti), più la versatile Prosperi in versione Federica Pellegrini (per le spalle, complimenti). Non è un caso che siano prime in classifica con l’unica sconfitta registrata a San Ponziano.

• Inizio alla camomilla se non al cloroformio testimoniato dal punteggio di 3-0 dopo 6 minuti giocati. Poi le squadre si rendono conto che la partita è iniziata ed il punteggio vola con un parziale di 10-13 caratterizzato da una sfuriata, prima di una significativa serie, di Marta ‘Scottie’ Verrecchia autrice di 7 dei 13 punti due dei quali griffati Place Véndome con un floater in controtempo di Sx che si vede raramente anche in serie A.

• Sar è come sempre fisica e altissimamente energica, costantemente alla ricerca del limite arbitrale e qualche volta oltre (due antisportivi, due tecnici, un’espulsione del dirigente in panchina). Sarà per i colori ma, con le debite proporzioni, ricorda il Fenerbache per ossessività applicativa.

• Noi teniamo botta alla grande e, per una volta, ne ridiamo quasi altrettante in un 2Q caratterizzato da un lussuoso 9/10 ai TL che capitalizza al meglio in bonus che il SAR raggiunge al 4’ e da un trick-shot che Buzzer somministra alla pur straordinaria pila atomica Giorgi. 

• Chiara ‘Warrior’ Bonini gioca tre minuti perfetti nei quali prende un RD e subisce fallo (TL 2/2) e piazza una tripla di grande importanza e riconosciuta personalità nell’azione successiva. 

• Il 3Q dura 45’ per la fisicità dei duelli che propongono contatti tutti o quasi fischiati dalle VdF decisissime a non farsi scappare la partita di mano. In effetti ci riescono ma a prezzo di uno spezzettamente del gioco per lunghi tratti ridotto a passeggiate da una linea di TL all’altra.

• Giulia ‘Tigress’ Grimaldi, pur acciaccatella, va due volte a predersi il suo RO mostrando una superiore consapevolezza situazionale. Due triple di Buzzer e di Gaia ‘von Karaijan’ Cirotti – strepitosa in difesa su Gelfusa – ci lanciano verso il 4Q che inizia alla grande con un canestrino d’astuzia e piede perno (santi fondamentali) di Giulia ‘Insurance’ Panariti e con l’ennesima accellerazione incontenibile di Scottie: andiamo al massimo vantaggio 49-57.

• Per rimanere alla metaforetta del Fenerbache, ecco che arriva Datome nei panni di Michela Marchetti – notoriamente una tipetta allergica alla sconfitta. La 8 propone una masterclass con due recuperi e 6 punti in un minuto, ben supportata dalla P.A. Giorgi che ci mette le mani addosso con bravura e sagacia e ci – letteralmente – strappa due palloni decisivi. Becchiamo un terrificante parziale di 11-2 nel quale siamo soverchiate dall’energia del Sar senza riuscire a trovare il bandolo della matassa.

• La partita già qui ma noi abbiamo il merito di continuare a crederci con Scottie e Insurance che segnano e ci tengono ad un possesso. Ancheper l’anticipata uscita per 5 falli di Giulia ‘Flying’ Bernardini, non riusciamo arginare Queen che domina gli ultimo 90” con tre rimbalzoni ed il canestro del +3. Abbiamo ancora 16” e Coach C disegna un’azione con l’opzione binaria del 2 veloce e della tripla, ci troviamo a cogliere la seconda con Buzzer il cui tiro esce di poco.